+39 06 835 212 31

Via Francesco Gentile 135 – RM

EnglishItalian

Seguici su:

 

 

 

 

 

L’ammiraglio Grace Hopper, nata Murray, ha sviluppato tra il 1944 e il 1960 le tecnologie fondamentali che permettono agli umani di comunicare con i computer:

  • librerie di subroutine,
  • codice sorgente,
  • ramificazione del software,
  • routine di debugging,
  • documentazione software,
  • compilatori

 

Queste tecnologie sono state in seguito incorporate da tutti i futuri linguaggi di programmazione di alto livello.

E’ grazie ad ‘Amazing Grace’ se l’informatica è quello che è.

Nata nel 1906, si laurea al Vassar College in fisica e matematica e nel 1934 consegue un PhD in matematica a Yale. Insegna matematica a Vassar, salvo dimettersi per arruolarsi in marina nel 1943 (grazie ad una doppia esenzione: è infatti troppo gracile e troppo anziana per gli standard della Navy). La marina la assegna a un progetto all’università di Harvard nello staff di programmazione di MarkI, il più potente calcolatore elettro-meccanico dell’epoca. Il gruppo, diretto da Howard Aiken, si occupa soprattutto del calcolo delle traiettorie dei missili.

MarkI è un bestione lungo 18 metri e alto 2,5, pesa 5 tonnellate e consta di 750.000 parti (relay, interruttori, parti rotanti..). E’ in grado di computare tre operazioni al secondo (3 Hz), è il primo computer general purpose ed è programmabile. La programmazione di Mark I è il compito di Grace, che non ha ovviamente mai visto un computer in vita sua.

Ma la signora è molto sveglia e impara presto, anche perché capisce fin da subito che per programmare Mark bisogna imparare a conoscere bene l’hardware. Infatti la programmazione viene fatta in linguaggio macchina (un compito noioso e che induce a commettere errori) a base di istruzioni in codice binario e di riconfigurazioni manuali dell’Hardware. Non ci sono manuali né documentazione.

Hopper ben presto si accorge che si continua a scrivere lo stesso codice per fare le stesse cose: comincia quindi a accumulare procedure software e a richiamarle quando le servono, invece di riscriverle ogni volta: sono le librerie di subroutine. Comincia anche a scrivere la documentazione del codice che sviluppa, in modo che altri programmatori possano intervenire nel lavoro. Tutto ciò semplifica il processo e lo rende più spedito.

Intanto Hopper comincia a pensare che il linguaggio di programmazione dovrebbe essere il più simile possibile al linguaggio naturale, per poi venir compilato in linguaggio macchina automaticamente dal computer stesso: sono i principi della programmazione automatica, dei compilatori e del codice sorgente.

Dopo la guerra Grace viene assunta in EMCC al gruppo che lavora alla programmazione di Univac.

Univac è il primo computer elettronico general purpose destinato alla commercializzazione.

E’ qui che Hopper sviluppa il primo compilatore vero e proprio (A-0) e i primi programmi basati su compilatori come MATH-MATIC and FLOW-MATIC. L’idea di base è che i programmi vengano scritti in linguaggio più o meno naturale (inglese, o altre lingue) e poi convertiti in linguaggio macchina dai compilatori.

Ciò rappresenta un’enorme semplificazione e democratizzazione del software: per scrivere codice non è più necessario saper manipolare in modo molto sofisticato simboli matematici, ma è sufficiente conoscere un numero limitato di comandi in lingua inglese.

L’altra idea fondamentale di Grace è quella di utilizzare i computer per altro che non sia il calcolo matematico, ad esempio per applicazioni di business.

E’ partendo da questa illuminazione che, dalla fine degli anni ’50, si sviluppa, a partire da flow-matic, il COBOL (common business oriented language), che resta il più diffuso linguaggio di programmazione fino a fine degli anni ’90 del secolo scorso.

Nel 1966 viene mandata in pensione per limiti di età, ma viene subito richiamata e fino al ’77 è a capo del gruppo di sviluppo software della marina, col grado di capitano. Viene poi promossa a ammiraglio e si ritira definitivamente nel 1986 a 80 anni.
Non contenta va a lavorare per DEC fino alla morte, che ha luogo nel sonno all’età di 85 anni.


RINGRAZIAMO PER IL CONTRIBUTO PAOLO RICCARDO FELICIOLI

Entra nel Team

Per mantenere elevato il livello di qualità del nostro lavoro, ricerchiamo costantemente professionisti di esperienza.